Focemicina: scopri il passato

Un viaggio nel passato per far rivivere i ruderi dei Porti di Claudio e di Traiano.

Navigando tra le pagine potrete scoprire i luoghi abitati dai nostri antenati attraverso la ricostruzione virtuale di Portus

Nelle Cronache di Portus potrai rivivere il quotidiano di chi 2000 anni fà abitava il territorio.

Attraverso piccoli dettagli lasciati tra le rovine rimaste a Fiumicino, possiamo capire molto di questa civiltà e comprendere il nostro presente. Buon viaggio!

Fiumicino: vivi il presente

Una finestra interattiva aperta su Fiumicino per conoscere nel dettaglio le risorse di questo territorio.

Iside, protettrice dei naviganti

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

isidepelagiaPercorrendo in automobile il viadotto dell’Aeroporto, quante volte vi è capitato di rivolgere, fortuitamente lo sguardo verso le campagne selvatiche dell’Isola Sacra, chiedendovi che cosa potessero essere quei resti archeologici abbandonati e dimenticati.
Ebbene si tratta con tutta probabilità di un Tempio e di una Cisterna.
Infatti, nel 1954 durante il dragaggio della Fossa Traiana vicino alla spiaggia, è stato trovato un architrave di marmo, appartenente a un tempio di Iside, divinità protettrice della navigazione.
Nell’impero romano il culto di Iside si contraddistinse per processioni e feste in onore della dea, molto festose e ricche. Le sacerdotesse della dea vestivano solitamente in bianco e si adornavano di fiori; a Roma, probabilmente a frutto dell’influenza del culto autoctono di Vesta, dedicavano talvolta la loro castita’ alla dea Iside.Il tempio è menzionato in due altre iscrizioni di Portus trovati nel 1868. I resti che rimangono affioranti, sono sale di diverse dimensioni. 

Esse possono avere fatto parte della sede di una corporazione legati al culto di Iside, e il suo tempio potrebbe essere stato vicino. Sul lato est dei ritrovamenti sono stati trovati i bagni. Sul lato ovest sono camere che circondano un cortile trapezoidale con un portico. A nord è una grande cisterna con due grandi pilastri interni. Tra le stanze è una grande sala rettangolare, con pilastri addossati alle pareti lunghe, a sostegno del soffitto. Nella parete posteriore sono quattro nicchie semicircolari e rettangolari per le piccole statue. Alla stanza si accedeva attraverso un portico monumentale fiancheggiato da due colonne. Una piccola stanza in un angolo del cortile si trova una piccola abside nella parete di fondo, al cui interno è un podio in mattoni che potrebbe avere sostenuto una statua di Iside. 

Vi è inoltre una latrina con diversi seggi. Nelle stanze sono stati trovati: una statua di una divinità femminile, forse Iside Pelagia o Pharia, una statua di un serpente barbuto, un ritratto di Settimio Severo, come Serapide, un altro ritratto di questo imperatore era già stato trovato in questa area nel 1941, su un' erma di alabastro. La statua di Isis è di marmo scuro chiamato bigio dorato, un marmo che è stato spesso utilizzato per le statue di divinità egizie. Le braccia, la testa e le gambe sono mancanti. Probabilmente erano in marmo bianco. La dea è raffigurata in movimento. Potrebbe essere stata in piedi sulla prua di una nave. 

La statua è stata datata alla seconda metà del II secolo d.C. Un altro tassello si aggiunge alla conoscenza di questo nostro territorio, e chissà quante altre sorprese ci riservano i terreni, le strade e le campagne circostanti, che quotidianamente attraversiamo.

 

Video

 

Fatti & Misfatti

rassegnastampa

 

archeologa

Banner Vivere Fco

Leggi tutto...

stampaAccadde a Fiumicino 

Ampia selezione di articoli dal 1874 al 2006 da "La Stampa"

Leggi tutto...

 

 

Go to top