Focemicina: scopri il passato

Un viaggio nel passato per far rivivere i ruderi dei Porti di Claudio e di Traiano.

Navigando tra le pagine potrete scoprire i luoghi abitati dai nostri antenati attraverso la ricostruzione virtuale di Portus

Nelle Cronache di Portus potrai rivivere il quotidiano di chi 2000 anni fà abitava il territorio.

Attraverso piccoli dettagli lasciati tra le rovine rimaste a Fiumicino, possiamo capire molto di questa civiltà e comprendere il nostro presente. Buon viaggio!

Fiumicino: vivi il presente

Una finestra interattiva aperta su Fiumicino per conoscere nel dettaglio le risorse di questo territorio.

Le Colonnacce di Claudio

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Il Portico di Claudio è stato messo in luce nel 1933 durante i lavori di bonifica. 
In base alle caratteristiche delle colonne, costituite da più rocchi di travertino lasciati intenzionalmente sbozzati e non rifiniti, lo si può attribuire all’epoca di Claudio.
Infatti questo tipo di trattamento delle superfici di elementi architettonici trova stretti paralleli con monumenti di Roma risalenti all’età di Claudio 
(Porta Maggiore e le arcate del Tempio di Claudio sul Celio).

colonnacce
Portico di Claudio e le "Colonnacce"
 


L’imponente struttura definiva in maniera monumentale il fronte occidentale del Porto di Claudio; presenta una pianta a forma di T poiché si congiunge con una ampia via colonnata, larga circa 8 metri, che corre in direzione est-ovest.
Il complesso fu ristrutturato in età traianea (II sec d.C.) e poi severiana (III sec d.C.) quando venne inglobato in un grande magazzino in opera laterizia.

 

Uno dei due bracci del portico, le cosiddette Colonnacce, fu chiuso ai due lati e divenne una sorta di atrio monumentale verso il complesso di edifici destinati all’immagazzinamento delle merci.

Ministero Beni Culturali - Sovrintendenza per i Beni Archeologici di Ostia

Video

 

Fatti & Misfatti

rassegnastampa

 

archeologa

Banner Vivere Fco

Leggi tutto...

stampaAccadde a Fiumicino 

Ampia selezione di articoli dal 1874 al 2006 da "La Stampa"

Leggi tutto...

 

 

Go to top