Focemicina: scopri il passato

Un viaggio nel passato per far rivivere i ruderi dei Porti di Claudio e di Traiano.

Navigando tra le pagine potrete scoprire i luoghi abitati dai nostri antenati attraverso la ricostruzione virtuale di Portus

Nelle Cronache di Portus potrai rivivere il quotidiano di chi 2000 anni fà abitava il territorio.

Attraverso piccoli dettagli lasciati tra le rovine rimaste a Fiumicino, possiamo capire molto di questa civiltà e comprendere il nostro presente. Buon viaggio!

Fiumicino: vivi il presente

Una finestra interattiva aperta su Fiumicino per conoscere nel dettaglio le risorse di questo territorio.

Personaggi Storici

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Marco Ulpio Nerva Traiano (latino: Marcus Ulpius Nerva Traianus; Italica, 18 settembre 53 – Selinus in Cilicia, 8 agosto 117) è stato un imperatore romano dal 98 al 117. Sotto il suo comando supremo l'Impero raggiunse la sua massima estensione territoriale. Il suo titolo completo era IMPERATOR • CAESAR • DIVI • NERVAE • FILIVS • MARCVS • VLPIVS • NERVA • TRAIANVS • OPTIMVS • AVGVSTVS • FORTISSIMVS • PRINCEPS • GERMANICVS • DACICVS • PARTHICVS • MAXIMVS. 

Dal I sec.D.C. a Roma la professione di politico non era più un’esclusiva per chi era nato in Italia perché ormai l’Impero forniva quest’opportunità a tutti.   

Nel ’98 il Generale Traiano divenne il primo Imperatore non originario della penisola, nato in Italica nell’attuale Spagna, la sua esperienza come Generale e governatore della Germania superiore indusse l’Imperatore Nerva a nominarlo proprio successore. Traiano dimostrò ben pre sto la sua abilità come Imperatore, era un militare molto determinato, interessato alla politica estera e alla conquista di altre terre. Era anche un filantropo, e quindi per aiutare i più poveri varò un programma d’assistenza che si protrasse per più di due secoli, favorì gli agricoltori con prestiti a basso interesse, e per questo fu talmente apprezzato da conquistarsi il titolo di “Optimus Princes” cioè Principe Eccellente. I romani ebbero molta stima anche per la moglie di Traiano, Pompea Plòtina nata fuori d’Italia, in Gallia, a lei interessavano poco il fasto e lo sfoggio, si occupava principalmente di problemi sociali. L’Imperatore ebbe il merito di prodigarsi per romanizzare i territori conquistati attraverso l’arte, l’architettura e le opere d’ingegneria, a loro volta le province fornivano a Roma cibi esotici e merci che potevano essere acquistate nei mercati, fra questi i Mercati Traianei. Traiano rese possibile l’importazione e l’esportazione delle merci ampliando la fitta rete viaria romana, nel IV secolo d.C. circa 85,000 km di strade attraversavano l’Impero, un fitto intreccio di arterie che si diramavano dalla Capitale e che costituivano un collegamento fra Roma e le Provincie.

Attorno al 100 d.C., tutte le strade portavano a Roma, grazie a questa rete viaria, le informazioni potevano raggiungere dalla Capitale ogni angolo dell’Impero. Traiano era un Imperatore la qui lealtà fu riconosciuta non solo dai cittadini ma anche dai suoi successori. Nel 117 Traiano morì per un colpo apoplettico, non aveva figli e non aveva nominato il suo successore, presumibilmente Pompea preparò falsi documenti dai quali risultava che Adriano, cugino minore di Traiano, era stato legalmente adottato e designato erede al trono. Traiano e Pompea ne erano stati tutori fin da quando Adriano, all’età di dieci anni aveva perso il padre. 

Banner Vivere Fco

Leggi tutto...

stampaAccadde a Fiumicino 

Ampia selezione di articoli dal 1874 al 2006 da "La Stampa"

Leggi tutto...

 

 

Go to top