Focemicina: scopri il passato

Un viaggio nel passato per far rivivere i ruderi dei Porti di Claudio e di Traiano.

Navigando tra le pagine potrete scoprire i luoghi abitati dai nostri antenati attraverso la ricostruzione virtuale di Portus

Nelle Cronache di Portus potrai rivivere il quotidiano di chi 2000 anni fà abitava il territorio.

Attraverso piccoli dettagli lasciati tra le rovine rimaste a Fiumicino, possiamo capire molto di questa civiltà e comprendere il nostro presente. Buon viaggio!

Fiumicino: vivi il presente

Una finestra interattiva aperta su Fiumicino per conoscere nel dettaglio le risorse di questo territorio.

Tintarella di luna

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Osservando le pitture degli antichi romani, notiamo che gli uomini venivano rappresentati sempre con una carnagione rosso-scura, mentre le donne sono dipinte con un colorito chiarissimo. L'uomo romano è più scuro perché più esposto ai raggi del sole, sta molto tempo all'aria aperta, impegnato in diverse attività di lavoro, di guerra, di caccia e d’incontri.

La donna ha il colorito della pelle bianca, il candore della pelle è sinonimo di vita trascorsa in casa, indaffarata in attività femminili: provvedere ai figli, curare la casa, sovrintendere alla cucina per i banchetti. La pelle chiara delle donne, rappresenta per i romani uno status symbol. Le donne aristocratiche, quelle di rango, rimangono nell'intimità della casa, non si mescolano con la plebe nelle attività quotidiane. 
Ma quando le signore romane mettono il piede fuori della "domus", non fanno mai a meno dell'ombrellino di seta con l'intelaiatura in osso.
Il meccanismo di utilizzo è molto simile al nostro, a scorrimento, con raggi e stecche in osso apribili, ma l'impiego che se ne faceva non era a protezione dalla pioggia ma dal sole, magari sostenuto da una schiava.

Video

 

Fatti & Misfatti

Banner Vivere Fco

Leggi tutto...

stampaAccadde a Fiumicino 

Ampia selezione di articoli dal 1874 al 2006 da "La Stampa"

Leggi tutto...

 

 

Go to top